STATUTO

  Denominazione – sede

 ART. 1

Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli   art. 36 e seguenti del Codice Civile è costituita, con sede in Capri Leone (ME)   Piazza Vittorio Emanuele III, un’associazione senza scopo di lucro operante nel settore dell’artigianato fabbrile, che comprende lavorazioni artistiche, ferro battuto, forgiatura ecc, la cui denominazione è  Fabbri D’arte.

 TITOLO II

Scopo - Oggetto

ART. 2

L’Associazione è apolitica, e apartitica;

L’Associato non userà l’associazione per usi politici ma ne preserverà l’autonomia e indipendenza.

L’Associazione non opera a fine di lucro;

Persegue il fine di aggregare gli artigiani a stramettere loro l’interesse e la passione dell’arte del ferro battuto, aiuta ad apprendere o migliorare le tecniche di lavorazione e formare una coscienza professionale e imprenditoriale moderna.

Pubblicizza e divulga l’arte del ferro battuto, ad un pubblico ampio con l’intento di comunicare il romantico fascino e la bellezza di quest’antica arte;

Lass. Fabbri D’arte e una libera associazione che sorge per volontà d’artigiani fabbri i quali condividono una stessa passione, visione e progetti in un’unità d’intenti, integrando le proprie personalità, promovendo tutte quelle attività formative professionali, culturali e artistiche.  

 a) Lassociazione previo decisione presa dal consiglio direttivo, o dall’assemblea de soci, proporrà e promuoverà iniziative volte alla conoscenza e alla tutela d’opere e sculture in ferro battuto, recenti o d’epoca presenti nel nostro territorio che in altre parti, questo nell’intento di favorire una crescita sia culturale e artistica.                                                                                

b) svolgerà opera di sensibilizzazione e aggregazione verso artigiani o persone o enti che condividono progetti e fini, che s’impegnano a titolo di volontariato a realizzarli

c) svolgerà e promuoverà iniziative atte all’apprendimento delle tecniche di lavorazione del ferro come la forgiatura avvalendosi della collaborazione di maestri forgiari.

Proporrà ad enti pubblici progetti per la creazione di corsi specifici per fabbri ( ferro battuto

forgiatura ecc.) corsi per la formazione imprenditoriale degli artigiani stage o corsi di marketing si cercherà rapporti e collaborazione con scuole e istituti per creare nei giovani interesse e curiosità nell’artigianato artistico;                                                                                                            

Organizzerà manifestazioni culturali sul tema, convegni, studi, ricerche storiche, fiere mostre estemporanee di forgiatura e quant’altro sia opportuno per raggiungere i fini e i progetti dell’associazione.   

ART. 3

L’Associazione è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo.

L’Associazione Fabbri D’arte si propone di:                                                    Favorire la promozione e la conservazione delle tradizioni dei valori culturali e di civiltà propri dell'artigianato artistico;                                                                                            Opera nell'interesse degli associati attraverso la realizzazione di progetti che ne promuovano l'immagine. Allo scopo di migliorarne le conoscenze tecniche e professionali dei propri soci e di diffondere tra le nuove generazioni l'arte della forgiatura dei metalli;

Organizza momenti d’incontri con soci e maestri del ferro battuto per scambi d’esperienze e tecniche di lavorazione;E’ intenzione dell’ass. Fabbri D’arte formare un nucleo di maestri d’arte in modo da poter partecipare a convegni o concorsi nazionali di forgiatura

Proporrà ad enti comunali, provinciali, regionali o associative estemporanee di forgiatura in luoghi adatti a tali dimostrazione;

Acquisto di libri sul ferro battuto creando quindi una biblioteca di settore abbonandosi a riviste specializzate, ed altro materiale che tutti i soci potranno visionare o studiare nella sede o centro espositivo;

Creare un sito internet ove tutti i soci potranno attingere informazioni utili per le loro attività, avere una pagina web con schede sulle loro attività e produzione;  

Creare una rete tra l’associazione e quei fabbri soci che operando nelle loro città si relazionino con altri fabbri, creando un nucleo capace di proporre iniziative varie nella loro zona o città

TITOLO III

Soci

ART.4

Il numero dei soci è illimitato.

Possono essere soci dell’Associazione le persone fisiche, che ne condividano gli scopi e che s’impegnino a realizzarli, possono collaborare alla realizzazione dei progetti enti pubblici e privati, associazioni culturali e di professioni.

ART. 5

Chi intende essere ammesso come socio dovrà farne richiesta scritta al Consiglio Direttivo, impegnandosi di attenersi al presente statuto e ad osservarne gli eventuali regolamenti e le delibere adottate dagli organi dell’Associazione.

La qualifica di socio si assume dal rilascio della tessera sociale e dal pagamento della quota associativa.

 ART.6

 La qualifica di socio dà diritto:

a partecipare a tutte le attività promosse dall’Associazione; a partecipare alla vita associativa, esprimendo il proprio voto nelle sedi deputate, anche in ordine all’approvazione e modifica delle norme dello Statuto e di eventuali regolamenti; a partecipare all’elezione degli organi direttivi.

I soci sono tenuti:

-   all’osservanza dello Statuto, del Regolamento Organico e delle deliberazioni assunte dagli organi sociali;                                                                                al pagamento del contributo associativo;

-   ad offrire volontariamente e gratuitamente la propria disponibilità per lo svolgimento dei servizi necessari alla gestione ed al buon funzionamento dell’associazione, secondo le necessità organizzative delle attività sociali promosse dai responsabili eletti dall’assemblea.

ART. 7

Doveri dei soci sono:

Partecipare alle attività culturali, civili, formative, sportive e ricreative promosse dall’associazione; Partecipare alle riunioni e assemblee indette dal consiglio;

Rispettare l’orario delle riunioni, ed in caso d’impedimento informare il presidente;

Tenere all’interno dei locali il contegno più corretto sotto ogni aspetto, non abbandonandosi ad atti contrari all’educazione a al decoro del luogo, non tenendo discorsi illeciti o contrari ai principi morali e al vivere civile;

Offrire la propria disponibilità per lo svolgimento dei servizi necessari alla gestione e al buon funzionamento dell’associazione secondo le necessità organizzative delle attività sociali promosse dai responsabili eletti all’assemblea: 

ART. 8

Lassociazione ha diritto di rivalsa contro chiunque provochi danni materiali o morali al patrimonio e alla reputazione dell’associazione stessa.

 ART. 9

Ogni reclamo deve essere presentato direttamente al consiglio, il quale prende i provvedimenti a suo insindacabile giudizio

 ART.10

I soci sono tenuti a versare il contributo associativo annuale stabilito in funzione dei programmi di attività.

Tale quota dovrà essere determinata annualmente per l’anno successivo con delibera del Consiglio Direttivo e in ogni caso non potrà mai essere restituita.

Le quote o i contributi associativi sono intrasmissibili e non rivalutabili.

 TITOLO IV

Recesso - Esclusione

 ART.11

La qualifica di socio si perde per recesso, per mancato pagamento del contributo                  annuale, per esclusione o per causa di morte.

ART.12

L’esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del socio:

 a)    che non ottemperi alle disposizioni del presente statuto, degli eventuali          regolamenti e delle deliberazioni adottate dagli organi dell’Associazione.

b)     che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell’Associazione;

c)      che, in qualunque modo, arrechi danni gravi, anche morali, all’Associazione.

d)     L’esclusione diventa operante dall’annotazione nel libro soci.

 ART. 13

Le deliberazioni prese in materia di recesso, decadenza ed esclusione debbono              essere comunicate ai soci destinatari mediante lettera.

 TITOLO V

Fondo Comune

  ART.14

Il fondo comune è indivisibile ed è costituito dai contributi associativi, da eventuali            oblazioni, contributi o liberalità che pervenissero all’Associazione per un miglior conseguimento degli scopi sociali; da eventuali avanzi di gestione.

Costituiscono inoltre il fondo comune tutti i beni acquistati con gli introiti di cui sopra.

E’ fatto divieto di distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonchè    fondi, riserve o capitale salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte    dalla legge.

  

Esercizio Sociale

 ART.15

L’esercizio sociale va dal 01 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio Direttivo deve predisporre il bilancio da presentare all’Assemblea degli 

associati. Il bilancio deve essere approvato dall’Assemblea degli associati entro

quattro mesi della chiusura dell’esercizio.

  TITOLO VI

Organi dell’Associazione

ART.16

Sono organi dell’Associazione:

a)     l’Assemblea degli associati;

b)     il Consiglio Direttivo;

c)      Il Presidente. 

Assemblea

 ART.17

Le assemblee sono ordinarie e straordinarie.

La loro convocazione deve effettuarsi mediante avviso scritto, affisso nella bacheca dell’Associazione, contenente l’ordine del giorno, il luogo, la data e l’orario della prima e della seconda convocazione.

 ART.18

L’assemblea ordinaria:

a)     approva il bilancio consuntivo;

b)     procede alla nomina delle cariche sociali;

c)      delibera su tutti gli altri oggetti attinenti alla gestione dell’Associazione riservati alla sua competenza dal presente Statuto o sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo;

d)     approva gli eventuali regolamenti.

Essa ha luogo almeno una volta l’anno entro i quattro mesi successivi alla chiusura dell’esercizio sociale.

 L’Assemblea si riunisce inoltre quante volte il Consiglio Direttivo lo ritenga necessario o ne sia fatta richiesta per iscritto, con indicazione delle materie da trattare, o da almeno un quinto degli associati. In questi ultimi casi la convocazione deve avere luogo entro venti giorni dalla data della richiesta.

 

ART.19

L’Assemblea, di norma, è considerata straordinaria quando si riunisce per deliberare sulle modificazioni dello Statuto e sullo scioglimento dell’Associazione nominando i liquidatori.

 

ART.20

In prima convocazione l’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita quando siano presenti la metà più uno degli associati aventi diritto. In seconda convocazione, l’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli associati intervenuti.

Nelle assemblee hanno diritto al voto gli associati maggiorenni.

Le delibere delle assemblee sono valide, a maggioranza assoluta dei voti, su tutti gli oggetti posti all’ordine del giorno, salvo che sullo scioglimento dell’Associazione per cui occorrerà il voto favorevole dei tre quinti ( 3/5) degli associati presenti.

 ART.21

L’assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione ed in sua assenza dal vice Presidente o dalla persona designata dall’assemblea stessa.

La nomina del segretario è fatta dal Presidente dell’assemblea.

  Consiglio Direttivo

 ART.22

Il Consiglio Direttivo è formato da un minimo di tre ad un massimo di nove membri scelti fra gli associati.

I componenti del Consiglio restano in carica due anni e sono rieleggibili.

Il Consiglio elegge nel suo seno il Presidente, il vice Presidente, il Segretario ed il Cassiere.

Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente tutte le volte nelle quali vi sia materia su cui deliberare, oppure quando ne sia fatta domanda da almeno tre membri.

La convocazione è fatta con affissione alla bacheca sociale non meno di otto giorni prima dell’adunanza.

Le sedute sono valide quando v’intervenga la maggioranza dei componenti.

Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta di voti.

Il Consiglio Direttivo è investito dei più ampi poteri per la gestione dell’Associazione.

Spetta, pertanto, fra l’altro a titolo esemplificativo, al Consiglio:

 a)     curare l’esecuzione delle deliberazioni assembleari;

 b)     redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo;

 c)      compilare i regolamenti interni;

 d)     stipulare tutti gli atti e contratti inerenti all’attività sociale;

 e)     deliberare circa l’ammissione, il recesso e l’esclusioni degli associati;

  compiere tutti gli atti e le operazioni per la corretta amministrazione dell’Associazione.

 ART.23

In caso di mancanza di uno o più componenti il Consiglio provvede a sostituirli tramite  cooptazione. Se viene meno la maggioranza dei membri, quelli rimasti in carica debbono convocare l’assemblea perché provveda alla sostituzione dei mancanti. 

Presidente

 ART.24

Il Presidente che viene eletto dal Consiglio Direttivo, ha la rappresentanza e la firma     legale dell’Associazione. Al Presidente è attribuito in via autonoma il potere di ordinaria amministrazione e previa delibera del Consiglio Direttivo, il potere di straordinaria amministrazione. in caso di assenza o di impedimento le sue mansioni vengono esercitate dal  Vice Presidente.

 TITOLO VII

Scioglimento

 ART.25

Lo scioglimento dell’Associazione può essere deliberato dall’assemblea con il voto favorevole di almeno i tre quinti dei presenti aventi diritto di voto.

In caso di scioglimento dell’Associazione sarà nominato un liquidatore, scelto anche fra i non soci.

Esperita la liquidazione di tutti i beni mobili ed immobili, estinte le obbligazioni in essere, tutti i beni residui saranno devoluti, al fine di perseguire finalità di utilità

generale, a Enti o Associazioni che perseguano i nostri stessi scopi o a fini di pubblica utilità.

 Norma finale

 ART.26

Per quanto non è espressamente contemplato dal presente statuto, valgono, perché applicabili, le norme del Codice Civile e le disposizioni di legge vigenti.                                                                                                                                        

                                   busta.gif (7997 byte)   E-Mail : ferroearte@email.it